Accesso rapido:




Borghi Storici

Un salto nel tempo per riscoprire la storia e le tradizioni del Piemonte

Anche in Piemonte si trovano alcuni dei Borghi più belli d'Italia così come riconosciuti dall'omonima associazione. Borghi storici, sorti nel medioevo, tipicamente al crocevia di importanti via di comunicazione, lungo dorsali legate ai commerci o alle coltivazioni.
Eccoli, piccoli paesi suggestivi e antichi, da scoprire nelle varie province Piemontesi.
Candelo, in provincia Biella, è un antico borgo famoso per il Ricetto di Candelo, il più antico recinto fortificato, utilizzato dalla popolazione come deposito per i prodotti agricoli in tempo di pace e come rifugio in caso si pericolo, del Piemonte.
 
Chianale, nel cuneese è un borgo ricco di fascino immerso ancora nella cultura occitana della valle con i caratteristici tetti di lose, travi e legno che caratterizzano il paesaggio. Di notevole interesse dal punto di vista naturalistico il bosco di pini cembri più grande d'Europa, l’Alevé, situato sulle pendici del Monviso.
 
Sempre nel cuneese si trova Ostana, piccolo centro di borgate sparse, con vista sul Monviso. Anche qui la sapiente architettura fonde il legno con la pietra coprendo i tetti di lose.
 
Ancora nel cuneese, ma sul versante langarolo, vi è Neive, terra di Barbaresco e di tartufo bianco, che presenta, come Candelo, un antico ricetto. L’impianto della cittadina è ancora medievale: le case dai tetti rossi sono addossate le une alle altre e, dall’alto del centro storico, si può godere di una splendida vista sulle vigne circostanti.
 
Sulla strada per la Liguria, si incontra Garessio, perla delle Alpi Marittime, poco distante dalla riviera di Ponente, dalla Costa Azzurra, dal Monregalese e dalla Langa, ottimo esempio di insediamento composto da più borgate, ognuna con le sue caratteristiche: borgo Maggiore con il palazzo comunale e la biblioteca, borgo Poggiolo con la parrocchiale dedicata a Sant’Antonio da Padova, borgo Ponte che conserva il portale in pietra della Chiesa di San Giovanni, il più antico edificio religioso garassino e, infine, borgo Valsorda, dove ha sede il Santuario della Beata Vergine delle Grazie.
 
Si trova invece nel novarese, uno dei luoghi più suggestivi del Piemonte, Orta San Giulio. Cara a scrittori e poeti, Orta è una piccola località caratterizzata da viuzze strette molto pittoresche: la principale conduce a piazza Motta dove partono le imbarcazioni dirette all’Isola di San Giulio, che dominata dall’omonima Basilica e dall’edificio del Seminario, costruito nel 1844 sulle rovine del castello, ospita il grandioso e antichissimo monastero delle monache benedettine.
 
Nel Verbano Cusio Ossola si può visitare Macugnaga, nei pressi della quale, nella seconda metà del XIII secolo, si insediano i primi coloni provenienti dalla Svizzera, i Walser, di cui ancora oggi sono visibili le tipiche abitazioni, con basamenti in pietra, strutture e interni interamente in legno con i caratteristici balconi e il tetto a due falde con copertura in pietra. Uno splendido esempio di questa architettura è la casa museo Walser in località Borca.
 
Non troppo dissimile, ma in tutt’altra zona del Piemonte, nel cuore della Val Chisone, protetta dai Monti Albergian, Orsiera e Rocciavré, si trova Usseaux, una frazione tra le molte dell’area, dove le strutture verticali e il tetto delle case sono in pietra, l’entrata è rivolta a sud e il retro risulta in gran parte contro terra e chiuso per riparare l’abitazione dal gelo e dai venti.
 
Raro esempio di medioevo di Langa astigiana è Mombaldone, un tempo dominio longobardo. Ancora protetto dalle mura originarie, l’antico borgo si presenta ben conservato con edifici originali, realizzati in pietra arenaria, tipica della zona.
Stampa questa pagina (Borghi Storici) Si aprirà  una nuova finestra. Richiedi informazioni (Borghi Storici).

Share this page:

Ricerca offerte

Collabora con noi Inserisci la tua struttura